Women in Palestine are planting seeds of resistance

segue in italiano

Friday 31st January 2014, the Popular Struggle Committees participated united to the campaign ”Melh al-Ard” (Salt of the Earth) with the objective to revitalize the abandoned village of Ein Hiljeh located in the Jordan Valley. The choice of the location wasn’t random, it’s strongly connected to the political requests of the action: stop the on-going effects of the Occupation plan and reconfirm the Palestinians sovranity over those territories in the Jordan Valley (Area C) that Israel want to annex with the assent of the negotiations carried out by John Kerry.

More than 300 Palestinians from different resistant villages of the West Bank gathered during the first day. An increased participation compared to the 2013 experience of Bab al Shams, the palestinian encampment erected in the E1 zone on the outskirts of Jerusalem, where Israel wanted to build 35,000 housing units creating a corridor of settlement with the intent to fragmentize and isolate even further the Occupied Palestinian Territories. The transformation and appropriation of Palestinian land, implemented by the State of Israel, doesn’t only aim to the establishment of the Zionist idea of ”Greater Israel”, it has also a less visible agenda: the control of the palestinian population and resources. The Palestinians therefore counteract by refusing the occupant’s authority, reclaiming the Palestinian sovranity, denouncing the occupation in all its elements and searching new forms of nonviolent popular struggles. The aim is to create an alternative grassroots movement able to escape from corrupted governmental policies but with the intention to have a national impact. Direct nonviolent actions as Ein Hijleh have a powerful resonance: they raise consciousness and use creative tension as a mean to bring down an unjust system, replaced by a just and human one.

Melh Al-Ard” (Salt of the Earth), quotes a phrase from the bible, Matthew 13:5, which says, “You are the salt of the earth. But if the salt loses its saltiness, how can it be made salty again? It is no longer good for anything, except to be thrown out and trampled underfoot”. As the communication of the campaign states: ”The sons and daughters of Ein Hijleh call upon our people to join the struggle to revive the village and protect our rights, history, culture, and land. Daughters and sons of Palestine, be the salt of this earth and stay steadfast on it.’

To this invitation, Nabi Saleh responded by leaving the village, still involved in the Friday weekly demonstration clashes against the Israeli Occupation Forces, to head towards the newborn village. Nabi Saleh is a small village of 500 inhabitants, located near Ramallah and belonging to the Tamimi family. Essential component of the Popular Struggle Committee, it’s one of the most active resistant villages in the West Bank. Positioned in area C, their struggle is against the illegal expansion of Halamish settlement. In 2008 the spring Ein Al-Qaws was taken over by the settlers, since then Nabi Saleh is fighting against the Occupation system in its whole.

On Friday, Nabi Saleh’s inhabitants challenged the mobile checkpoints that were blocking the main roads to Ein Hijle. After taking a secondary road and deceiving the Israeli police, they triumphant arrived singing their way through the palms that surround the ruins of the old Canaanite village. What immediately stroke the viewers’ sight was the high presence of women and children. In fact, the particularity of Nabi Saleh village is the fundamental role of women in the popular struggle. Gender segregation isn’t contemplated, on the contrary the commitment of women is recognized and supported because: ”they are the educators of the new generations. If women themselves aren’t free, nor will the new generations” (Bassem Tamimi, recognized as Human Rights Defender by the EU). They are the driving force of the nonviolent movement in Nabi Saleh. Every Friday, while chanting slogans and proudly holding palestinian flags, they daringly lead the march towards the tower at the entrance of the village or towards Ein Al-Qaws. ”Palestinian women are putting the seeds of resistance” states Manal Tamimi as they are raising their children to a resistance culture, they are teaching them not to victimize themselves, but to react. For this reason, although the uncertainty of the danger, the women of Nabi Saleh brought their children to Ein Hijleh, ”we want them to learn the spirit of volunteering. It’s important for children to participate to these actions in order to grow aware of their role in the Resistance”. At the dawn of a new society, it is pivotal to involve also children and women in the construction of the foundations in order to assure an inclusive and horizontal based community. Besides, the strength of the nonviolent movement is the equality of responsibility, regardless the affiliation, the gender or the social class, anyone can give their contribution to the struggle. Children and women of Nabi Saleh are well aware of how to act in case of raid from the army, they were born and raised under occupation, thus they had to deal with it daily: ”Let them come, the army comes everyday to my house stepping on my land” was the harsh answer I received from Rouan Tamimi, while shrugging her shoulders. After all, if women decided to come was also because they hope to be a deterrent in the use of excessive violence towards the activists. The political engagement of these women is visible not only from their statements, it’s a flowing force that pervades their gestures and behaviors. It’s so powerful that it hits right in the guts, shaking up one’s consciousness.

These series of portraits were shot during the first night in Ein Hijleh, spent in a cheerful atmosphere but with the awareness of a possible arrival of the army. These are Resistant women of Nabi Saleh, three different generations united in the same struggle. Proud and determined, their look is steadfast towards the goal and they won’t allow anyone to break them because as the Palestinian poet Fadwa Tuqan wrote addressed to her beloved homeland: ”no matter how long the millstone, of pain and agony churns you, in the wilderness of tyranny, they will never be able, to pluck you eyes, or kill your hopes and dreams”.

link: http://www.sci-italia.it/index.php/introduzione/422-women-in-palestine-are-planting-seeds-of-resistance

https://www.middleeastmonitor.com/blogs/lifestyle/9645-palestinian-women-changing-the-resistance

http://english.pnn.ps/index.php/nonviolence/6845-report-women-in-palestine-are-planting-seeds-of-resistance

———————————————————————————–

IN PALESTINA LE DONNE STANNO PIANTANDO I SEMI DELLA RESISTENZA

 

Venerdì 31 gennaio 2014 i Comitati di Lotta Popolare hanno partecipato uniti alla campagna “Melh El Ard” (Il Sale della Terra) con l’obiettivo di fare rivivere il villaggio abbandonato di Ein Hijleh, nella Valle del Giordano. La scelta della località non è casuale, ma è strettamente connessa alle richieste politiche che questa azione vuole supportare: fermare gli effetti del Piano di Occupazione israeliano e riconfermare la sovranità palestinese su quei territori della Valle del Giordano (Area C) che Israele vuole annettersi con il beneplacito dei negoziati di pace portati avanti da John Kerry.Più di 300 palestinesi provenienti dai diversi villaggi resistenti della West Bank si sono radunati nel corso della prima giornata di occupazione . Una partecipazione di molto aumentata rispetto alla simile esperienza di Bab El Shams nel 2013, quando i palestinesi eressero un accampamento alla periferia di Gerusalemme, in zona E1, per opporsi alla costruzione dei 3.500 nuovi alloggi che Israele aveva progettato con l’intento di creare un corridoio di insediamenti che frammentasse ancora di più i Territori Occupati.La confisca e la trasformazione dei territori palestinesi attuata dalla Stato di Israele non mira solamente alla realizzazione dell’idea sionista di un “Grande Israele”, ma anche al controllo della popolazione e delle risorse palestinesi, effetti che, se pure meno visibili, hanno conseguenze profonde e devastanti. I Palestinesi, dal canto loro, contrattaccano rifiutando l’autorità degli occupanti, reclamando la sovranità sulle loro terre, denunciando l’occupazione e i suoi abusi e cercando nuove forme non violente di protesta popolare. L’obiettivo è quello di creare un movimento alternativo a base popolare, capace di sfuggire alle corrotte politiche di governo e che sia tuttavia in grado di avere un impatto nazionale. L’occupazione di Ein Hijleh , con le correlate azioni non violente, genera una forte e significativa risonanza, risvegliando le coscienze e utilizzando una tensione creativa come mezzo per abbattere un sistema ingiusto a cui sostituirne uno giusto e umano.“Melh Al-Ard” (Il Sale della Terra) riprende un versetto del Nuovo Testamento, precisamente dal Vangelo di Matteo 5:13, che recita: “Voi siete il sale della terra; ma se il sale perdesse il sapore, con che cosa lo si potrà render salato? A null’altro serve che ad essere gettato via e calpestato dagli uomini”. Come afferma il comunicato ufficiale della campagna: “Noi, figli e figlie di Ein Hijleh, ci appelliamo al nostro popolo perché si unisca alla lotta per fare risorgere il villaggio e proteggere i nostri diritti,la nostra storia, .la nostra cultura e la nostra terra. Figlie e Figli di Palestina, siate il sale della terra e restate saldi su di essa.”.

 A questo appello gli abitanti di Nabih Saleh hanno risposto lasciando il proprio villaggio, ancora impegnato negli scontri durante l’ormai tradizionale manifestazione del venerdì contro le Forze di Occupazione Israeliane, per dirigersi prontamente verso il risorgente villaggio.Componente essenziale dei Comitati di Lotta Popolare , Nabih Saleh, con i suoi 500 abitanti , tutti membri della famiglia Tamimi, è uno dei villaggi resistenti più attivi della Cisgiordania. Situato vicino a Ramallah, in area C, lotta contro l’espansione dell’insediamento illegale di Halamish e contro l’occupazione sin da quando, nel 2008, i coloni si sono impossessati della sorgente di Ein al Qaws.

 Venerdì gli abitanti di Nabih Saleh hanno sfidato i checkpoint mobili che avevano bloccato la strada principale che conduce a Ein Hijlah e, ingannando i soldati israeliani e percorrendo strade secondarie, sono entrati trionfalmente nel palmeto che racchiude le rovine dell’antico villaggio cananeo accompagnandosi con canti e slogan. Ciò che ha immediatamente colpito le persone che già si trovavano nel villaggio, è stata la consistente presenza di donne e bambini nel gruppo. La particolarità di Nabi Saleh è infatti il ruolo fondamentale delle donne nella lotta popolare. La separazione di genere non è contemplata anzi, l’impegno delle donne è riconosciuto e sostenuto perché ”esse sono le educatrici delle nuove generazioni. Se le donne non sono libere, non lo saranno neppure le nuove generazioni” (Bassem Tamimi, riconosciuto dall’Unione Europea come Difensore dei Diritti Umani.). Sono loro la forza trainante del movimento non violento di Nabi Saleh. Ogni venerdì, cantando slogan e sventolando orgogliosamente bandiere palestinesi, sono le donne a condurre la marcia verso la torre di guardia israeliana all’ingresso del villaggio o verso Ein Al- Qaws. ”Le donne palestinesi stanno piantando i semi della resistenza” , afferma Manal Tamimi, poiché nel crescere i figli in una cultura di resistenza, insegnano loro a non considerarsi vittime,ma a reagire. Per questa ragione , nonostante l’incertezza del pericolo, le donne di Nabi Saleh hanno portato a Ein Hijleh anche i bambini: “Vogliamo che apprendano lo spirito del volontariato. E’ importante per i bambini partecipare a queste azioni affinché possano crescere consapevoli del loro ruolo nella Resistenza”. All’alba di una nuova società, è fondamentale coinvolgere anche le donne e i bambini nella costruzione delle sue fondamenta, così da assicurare la crescita di una comunità dalle basi inclusive ed orizzontali. Oltretutto, la forza del movimento non violento è l’uguaglianza nella responsabilità: tutti possono dare il loro contributo alla lotta,indipendentemente dall’affiliazione, dal sesso e dalla classe sociale. Le donne e i bambini di Nabi Saleh sanno perfettamente come comportarsi durante i raid dell’esercito, sono nati e cresciuti sotto l’occupazione e l’hanno dovuta quindi affrontare quotidianamente: “Che vengano pure i soldati, entrano ogni giorno nella mia casa, calpestando la mia terra” è stata la dura risposta che ho ricevuto da Rouan Tamimi, accompagnata dallo scrollare delle spalle. Inoltre, se le donne hanno deciso di recarsi a Ein Hijleh , è stato anche con la speranza di costituire un deterrente nell’uso di una violenza eccessiva dei soldati verso gli attivisti. L’impegno politico di queste donne è percepibile non soltanto dalle loro affermazioni, è una vera e propria forza trascinante che pervade tutti i loro gesti ed i loro comportamenti. Gesti e comportamenti così potenti da sentirsi colpiti direttamente allo stomaco, da averne la coscienza profondamente e irrimediabilmente scossa.

 Questa serie di ritratti è stata realizzata durante la prima notte a Ein Hijleh. Queste sono le donne resistenti di Nabih Saleh, tre diverse generazioni unite nella stessa lotta . Orgogliose e determinate, il loro sguardo è fermamente rivolto al traguardo e non permetteranno a nessuno di piegarle perché, come la poetessa palestinese Fadwa Tuquan scrisse nel rivolgersi alla sua amata terra natia:” Non importa per quanto tempo la macina del dolore e dell’agonia si agiti nel deserto della tirannia, essi non riusciranno mai a strapparvi gli occhi o a uccidere le vostre speranze ed i vostri sogni 

 

Advertisements

One thought on “Women in Palestine are planting seeds of resistance

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s